La classe 2^ A della Scuola Primaria annessa al Convitto Nazionale, in data 15 maggio, ha partecipato all'incontro "Una giornata con Luis Sepulveda" organizzato da Mondadori Point di Santa Maria degli Angeli in collaborazione con il Comune di Assisi, occasione unica sul territorio nazionale che ha visto presenti molte scuole dell’assisano.

 Il progetto prevedeva che ogni classe partecipante, dopo la lettura del libro “Storia di una balena bianca raccontata da se stessa”,  formulasse delle domande da porgere allo scrittore sul palco del teatro Lyrick.

Dopo un'accurata selezione attuata dagli organizzatori, sono stati scelti, per aver ideato delle domande interessanti e chiamati sul palco per porgerle a Sepulveda ospite dell’incontro, tre alunni della nostra classe seconda, in rappresentanza del Convitto Nazionale.

I bambini hanno mostrato entusiasmo durante l’ascolto e la lettura in classe del libro “Storia di una balena bianca raccontata da se stessa”, arricchita da slide. La narrazione è in prima persona come se fosse narrata dalla balena stessa, tecnica che ha incuriosito gli alunni, attratti dal punto di vista dell'animale perseguitato dai balenieri. Questo percorso ha portato ad un lavoro trasversale con altre discipline, affrontando argomenti come il rispetto del pianeta, finalizzato al cambiamento di stili di vita e alla formazione delle nuove generazioni. La narrazione del viaggio della balena ha permesso ai bambini di capire che esistono tanti tipi di viaggi: personali, voluti, subiti ecc., portando il dialogo a livelli metacognitivi.

Il progetto lettura, inserito nella programmazione di classe, è stato vissuto dal docente di italiano come un dovere morale verso i giovanissimi alunni. Infatti, arricchita dai punti forti sia del progetto “Sui passi di Francesco” presente nel P.T.O.F. del Convitto Nazionale, che coinvolge la  scuola primaria e secondaria di I grado, sia del progetto “Io ho cura” di Educazione alla Cittadinanza 2019-2020 di Scuole di pace, li ha intersecati, affidando alla mente e al cuore delle future generazioni il rispetto del pianeta.

 Saper essere è una conquista di maturità da percorrere con un cammino lungo quanto la vita di ognuno e lungo il quale si impara a rispettare l’altro essere vivente e ad “ aver cura della casa comune”, per dirla con Papa Francesco nel suo Laudato si’.